Come migliorare la vostra strategia di content marketing

Molte aziende creano e condividono contenuti per fidelizzare la clientela, ma trascurano l'aspetto linguistico.

 

Il content marketing si prefigge di rafforzare le relazioni con i clienti, stupisce quindi che sottovaluti il fattore emotivo legato alle lingue. 

 

Lingua madre dei clienti

Nel content marketing si parla molto dell’importanza di fidelizzare la clientela mediante la pubblicazione di contenuti utili, interessanti o informativi sui siti web, nei blog, nelle newsletter delle aziende. È tuttavia raro che i testi vengano tradotti nella lingua madre dei clienti. Perché le ditte in questione trascurano le lingue? 

  

Esperienza londinese

Anni fa lavoravo per un'azienda di abbigliamento a Londra, che esportava in tutto il mondo. Un giorno parlai al telefono con una cliente austriaca. Non riusciva a credere che dopo tanti anni qualcuno le rispondesse in tedesco anziché in inglese. Qualche giorno dopo mi recapitarono un pacco, la mittente era lei. Lo aprii: conteneva dei dolci e un cartoncino di ringraziamento. 

 

Una sola lingua per tutti

La cosa preoccupante è che oggi numerose società, anche al di fuori dell’area anglosassone, comunicano solo in inglese. È vero che la lingua di Shakespeare è molto diffusa, ma come diceva Nelson Mandela:

“Se parli a un uomo nella lingua che comprende, arriverai alla sua testa.

Se gli parli nella sua lingua madre, arriverai al suo cuore.”